Programma 31 Marzo 2021

WORLD ZEROEMISSION CONFERENCE 2021

 

Programma – provvisorio – delle conferenze e dei workshop di 1° giorno

N.B. Le sessioni saranno in Italiano, eccetto quelle indicate con l’asterisco; non verrà effettuato il servizio di traduzione simultanea.
* = da confermare

 

Programma 1° giorno

 

SALA A – AUDITORIUM ALESSANDRO VOLTA

9.30 – 13.00
Convegno a cura di: POLITECNICO DI MILANO e RSE-RICERCA DEL SISTEMA ENERGETICO

CONVEGNO INAUGURALE: L’EVOLUZIONE DEL SISTEMA ELETTRICO ITALIANO

Coordinamento: prof. Maurizio Delfanti, AD di RSE, Full Professor Politecnico di Milano

  • Patrizia Barbieri, Sindaco Comune di Piacenza*
  • Stefano Bonaccini, Presidente della Regione Emilia Romagna*
  • Dario Zaninelli, Prorettore del Politecnico di Milano a Piacenza
  • Stefano Patuanelli, Ministro dello Sviluppo Economico*
  • Paola De Micheli, Ministro alle Infrastrutture*
  • ARERA*
  • TERNA*
  • ANIE FEDERAZIONE
  • Andrea Zaghi, ELETTRICITA’ FUTURA
  • Paolo Rocco Viscontini, ITALIA SOLARE*

 

 

SALA A – AUDITORIUM ALESSANDRO VOLTA

13.30 – 15.30
Convegno a cura di: POLITECNICO DI MILANO e RSE-RICERCA DEL SISTEMA ENERGETICO

L’INTERAZIONE TRA UTENTE E SISTEMA ELETTRICO NELL’ERA DELLE RETI INTELLIGENTI

Coordinamento: POLIMI (Davide Falabretti)

  • ARERA: I recenti sviluppi della regolazione in tema di dispacciamento, comunità energetiche e sperimentazione di funzionalità innovative sulle reti
  • TERNA: Il punto di vista del gestore della rete di trasmissione nazionale
  • ARETI: L’evoluzione del ruolo del distributore nell’era delle reti attive
  • FALCK RENEWABLES: Aggregazione e dispacciamento locale: prospettive, sfide e opportunità
  • BP-ENERGY: L’esperienza di BP-ENERGY nel ruolo di aggregatore
  • ENEL X o UNARETI: in attesa di conferma

 

SALA A – AUDITORIUM ALESSANDRO VOLTA

15.30 – 18.00
Convegno a cura di: POLITECNICO DI MILANO e RSE-RICERCA DEL SISTEMA ENERGETICO

FOCUS SU ENERGY COMMUNITIES

Coordinamento: POLIMI (Marco Merlo)

Le Energy Communities sono identificate come un elemento di vivo interesse al fine di promuovere una concreta collaborazione fra i cittadini. Elemento peculiare è nella ricerca di sinergie utili alla valorizzazione di risorse di produzione da fonte rinnovabile coordinata con il locale fabbisogno energetico. Di particolare rilevanza è la presentazione e lo studio di casi studio reali ed un confronto aperto sulle modalità secondo le quali tali modelli potrebbero essere recepiti nel contesto nazionale.

  • Gruppo professione Energia: Osservatorio sui sistemi di utenza – Attuazione delle comunità energetiche: elementi tecnico-normativi (Marco Pezzaglia)
  • RSE: Progettare una comunità energetica: dal contesto normativo alle sperimentazioni in campo (Fabio Armanasco, Marco Zulianello)
  • Politecnico di Milano – COA: Integrazione delle comunità energetiche nei piani energetici regionali (Genny Brunet-COA, Marco Merlo-Polimi)
  • Politecnico di Torino – CVA: Autoconsumo collettivo in un condominio ad Aosta (Giampaolo Canestri-CVA, Romano Borchiellini-Polito)
  • Comunità Energetiche in Sardegna (Fabrizio Pilo-Unica, Emilio Ghiani-Unica)
  • Implementazione di una Comunità Energetica “Gree”: il progetto GECO (Università di Bologna, ENEA, AESS)
  • Comunità Energetiche,  l’esempio della Svizzera (Luca Farfanelli, LG Electronics Italia)
  • Tavola rotonda di presentazione e confronto fra i principali attori nel mondo industriale ed i rappresentanti di alcuni progetti pilota (in fase di definizione).

 

SALA 2

13.30 – 15.30
Convegno a cura di: POLITECNICO DI MILANO e RSE-RICERCA DEL SISTEMA ENERGETICO

L’USO DEI DRONI NEL MONITORAGGIO DI IMPIANTI TECNOLOGICI

Coordinamento: Polimi (Francesco Grimaccia / Sonia Leva)

  • Trasmissione energia (Terna) – (monitoraggio linee e isolatori)
  • Silvano Vergura, Dipartimento DEI – Politecnico di Bari
  • Nimbus Srl – esperienze di monitoraggio con multi-rotore in impianti energetici
  • Trasmissione di energia (Terna), in attesa di conferma
  • Il mercato dei droni in Italia (Osservatorio Politecnico di Milano)
  • Produttore UAV – esperienze di monitoraggio con multi-rotore in impianti energetici
  • Case studies sul campo di un key player energetico (Enel Innovation)

 

SALA 2

15.30 – 18.00
Convegno a cura di: POLITECNICO DI MILANO e RSE-RICERCA DEL SISTEMA ENERGETICO

INVERTER, UPS, EPS

Coordinamento: Francesco Groppi

Aspetti rilevanti, anche alla luce di attività sperimentali in corso, relativi all’evoluzione tecnologica degli inverter e alle loro caratteristiche prestazionali.

  • Le prestazioni degli inverter sul campo: tecniche di misura e risultati sperimentali (Filippo Spertino, Polito).
    La presentazione ha l’obiettivo, innanzitutto, di definire i principali parametri di prestazione globale sia dal lato DC sia dal lato AC. Poi, si chiariscono i requisiti dei sistemi automatici di misura idonei a rilevare queste prestazioni. Infine, si illustra un’ampia gamma di risultati sperimentali, anche in presenza di ombratura parziale e di difetti sui moduli fotovoltaici, da inverter funzionanti sul campo con potenze nominali che spaziano dal kilowatt a qualche centinaio di kilowatt.
  • Nuovo algoritmo MPPT basato sulla ricerca di un intervallo di tensione “obiettivo” e sua implementazione in un inverter commerciale (Alessandro Minuto, RSE)
    In questo contributo viene riportato lo sviluppo di un nuovo algoritmo MPPT (definito MPPT RSE) in grado di identificare con poche iterazioni un intervallo di tensione, definito “intervallo obiettivo”, che include il punto di massima potenza.Nel ricercare tale intervallo non è necessaria la scansione dell’intera curva corrente-tensione della stringa PV, ma è sufficiente eseguire alcuni test di controllo su un numero ristretto di punti. L’algoritmo è in grado di riconoscere le situazioni dinamiche che potrebbero effettivamente spostare il punto di massima potenza su un altro intervallo di tensione. Per questo motivo è particolarmente efficiente in condizioni dinamiche caratterizzate da frequenti variazioni di ombreggiamenti parziali ed irraggiamento solare.
    Infine si riportano i risultati di alcuni test comparativi di prestazione (lato DC) tra un inverter commerciale, nella cui logica di controllo è stato implementato il nuovo MPPT RSE, ed altri inverter commerciali. I test sono stati eseguiti in laboratorio alle stesse condizioni attraverso un simulatore fotovoltaico.
  • Studio comparativo di tecniche di MPPT in presenza di ombreggiamento dinamico (Alberto Dolara, Polimi)
    In ogni applicazione fotovoltaica, la massimizzazione della produzione energetica da parte dell’intero sistema di generazione è fortemente correlata alla capacità del controllore di operare il generatore fotovoltaico nel suo punto di massima potenza (MPP), in tutte le condizioni ambientali. Gli algoritmi di MPPT di tipo convenzionale sono basati sull’ipotesi di irraggiamento costante sulla superficie del generatore fotovoltaico; condizione che si traduce in una curva potenza tensione (P-V) in cui è presente un unico punto di massimo. Al contrario, in condizioni di ombreggiamento parziale, la curva P-V presenta più massimi locali: in queste condizioni l’algoritmo di MPPT deve anche essere in grado di discernere tra punti di massimo locale e punto di massimo globale. La ricerca del punto di massimo globale diventa una sfida ancora più complessa quando le condizioni di ombreggiamento variano in modo dinamico, come ad esempio in applicazioni stand-alone su veicoli quali automobili o imbarcazioni. La presentazione ha il duplice obiettivo di mostrare i risultati di dell’analisi numerica e sperimentale del comportamento di algoritmi di MPPT convenzionali in presenza di ombreggiamento parziale e dinamico, e di analizzare alcune metodologie per il controllo in MPP in presenza di ombreggiamento parziale e dinamico.
  • Convertitori bidirezionali di potenza. Aspetti normativi ed integrazione delle fonti rinnovabili (Miguel Ficarra, Cesi)
    Negli ultimi anni si è visto la necessità di aggiungere sistemi di accumulo negli impianti fotovoltaici residenziali. Così facendo, si può aumentare l’autoconsumo e ridurre i problemi di rete legati all’eccessiva concentrazione di impianti fotovoltaici.
    Nel documento saranno presentati gli aspetti normativi specificando le architetture e i requisiti dell’interfaccia GCPC – “grid connected power converters” per particolari risorse di energia distribuita, inclusi i veicoli elettrici, le batterie e i sistemi fotovoltaici.

 

SALA 3

14.00 – 18.00
Convegno a cura di: POLITECNICO DI MILANO e RSE-RICERCA DEL SISTEMA ENERGETICO

TECNOLOGIE E APPARATI PER LE BATTERIE

Coordinamento: RSE (Omar Perego)

Excursus su tutta la catena del valore delle batterie in Italia. Sono riportati esempi di linee di produzione di batterie in Italia e oltralpe e di tecnologie di accumulo emergenti, esponendo gli studi sui materiali più promettenti (Li-Zolfo, Sodio-ione, ecc.), evidenziando le criticità e le fasi e i tempi della ricerca per avere queste tecnologie sul mercato. È analizzato il tema del riciclo e del second-life, mettendo in evidenza il ruolo della diagnostica, dei test e dello sviluppo di sistemi di controllo intelligenti. È esposta la metodologia di analisi di Life Cycle Assessment su batterie per uso stazionario.

  • Produzione di batterie Litio-ione di terza generazione (FAAM-Lithops)
  • Produzione di batterie ad alta temperatura Sodio-NichelCloruro (FZ-SoNick)
  • Linee di produzione di celle di tipo pouch (MANZ)
  • Batterie Litio-ione di ultima generazione (ENEA / Università)
  • Batterie Litio-Zolfo (ENEA / Università)
  • Batterie Sodio-ione (RSE)
  • La catena del valore del riciclo di materiali di batterie (COBAT)
  • Tecnologie di riciclo più promettenti (Politecnico di Milano / CNR-STIIMA)
  • Sistemi di controllo per applicazioni second-life (RSE)
  • Diagnostica in tempo reale con tecniche di machine learning (RSE)
  • Procedure di test per definire lo stato di salute di una batteria (RSE)
  • Analisi di Life Cycle Assessment su batterie per uso stazionario (RSE)

 

SALA 5

11.00 – 18.00
Convegno a cura di: ZEROEMISSION  e H2PLANET

CELLE A COMBUSTIBILE: STATO DELL’ARTE E APPLICAZIONI

Chairperson: Marco Levi – H2Planet

Le celle a combustibile in Italia

Stato dell’arte dei metodi e dei materiali per lo stoccaggio dell’idrogeno

La cogenerazione a celle a combustibile

Green H2: stato dell’arte degli idrolizzatori alcalini

Le celle a combustibile a stato solido: tecnologia e applicazioni

Sistemi di celle a combustibile statici di media e grande potenza

 Celle a metanolo di piccola potenza per applicazioni remote off-grid

Volare a idrogeno: storia e prospettive

Energia per i droni a propulsione elettrica: l’alternativa delle microcelle a combustibile

Celle ad elevata potenza per l’aviazione e il trasporto elettrici: droni, UAM e… trucks

Mille chilometri con un metro cubo di idrogeno

Micromobilità a idrogeno

 

SALA 6

9.30 – 13.00
Convegno a cura di: ZEROEMISSION

INDUSTRIAL RESEARCH AND EXPERIENCE IN BATTERIES**

**In English – Chairperson: TBD

 

SALA 6

13.30 – 14.30
A cura di: ZEROEMISSION

PREMIAZIONE “BATTERY AWARD 2021”

Chairperson: TBD

 

SALA 6

14.30 – 18.00
Convegno a cura di: ZEROEMISSION

TRANSIZIONE ENERGETICA ED ELETTRIFICAZIONE

Chairperson: TBD

 

SALA 7

9.30 – 13.00
Convegno a cura di: ZEROEMISSION

DRONI: DALLA PROPULSIONE ALLE INNUMEREVOLI APPLICAZIONI

Chairperson: TBD

 

SALA 7

14.30 – 16.30
Convegno a cura di: ZEROEMISSION

SISTEMI DI BATTERIE ‘SU MISURA’: PROGETTAZIONE E APPLICAZIONI

Chairperson: TBD

 

SALA 7

16.30 – 18.00
Convegno a cura di: ZEROEMISSION

LA LOGISTICA DELLE BATTERIE AL LITIO: TEST, STOCCAGGIO E SPEDIZIONE

Chairperson: TBD

 

SALA 8

13.30 – 15.30
Convegno a cura di: CESI, POLITECNICO DI MILANO, RSE-RICERCA DEL SISTEMA ENERGETICO e ZEROEMISSION

Workshop sulle ESPERIENZE IN AFRICA E MEDIO ORIENTE

Chairperson: Francesco Groppi

Evoluzione della generazione distribuita da fonti rinnovabili nei Paesi dell’area Middle East North Africa, con particolare riferimento allo sviluppo e implementazione delle normative di carattere locale. Illustrazione di alcuni casi-studio specifici.

  • Programmi d‘integrazione dei sistemi di generazione FV nel Medio Oriente (Massimo Gori, CESI).
    Tutti i paesi appartenenti al Medio Oriente e in modo particolare quelli appartenenti alla Penisola Araba, hanno riconosciuto l’importanza – strategica economica e di immagine – legata allo sfruttamento delle energie rinnovabili. In generale utilizzare il sole e il vento per produrre grosse quantità di energia mediante impianti Utility Scale consente di risparmiare combustibili fossili, che possono essere venduti sul mercato internazionale con benefici per il sistema paese. Inoltre consentire la connessione alla rete di distribuzione di impianti di generazione distribuita alimentati dalle fonti rinnovabili aiuta a comunicare l’immagine positiva del paese che si unisce alla lotta contro i gas serra e i cambiamenti climatici. La presentazione illustra le attività svolte da CESI con le autorità e società elettriche locali per la definizione dei requisiti tecnici e normativi e per l’implementazione dei processi necessari per esaminare le richieste degli utenti e per verificare il rispetto dei requisiti dei progetti e degli impianti realizzati, prima di autorizzare la connessione alla rete del distributore.
  • Quadro tecnico e regolatorio per la diffusione di piccoli impianti FV nel Medio Oriente (Amro Hassan, CESI)
    Negli ultimi 5 anni CESI ha lavorato con le autorità e società elettriche della Penisola Araba, i cui paesi si sono posti l’obiettivo di favorire la diffusione dei sistemi di generazione distribuita ed in particolare dei piccoli impianti fotovoltaici. CESI ha fornito supporto in particolare per la definizione dei requisiti tecnici necessari per la connessione alla rete del distributore. La presentazione illustra la metodologia adottata per definire un insieme di requisiti tecnici di connessione coerente con le caratteristiche delle reti elettriche locali, e in linea con quanto sviluppato nei paesi dove più avanzato è lo sviluppo della generazione distribuita.
  • Verifica di piccoli impianti FV: esempio di assistenza specialistica CESI in Oman (Amro Hassan, CESI)
    CESI ha lavorato con le autorità e società elettriche della Penisola Araba negli ultimi 5 anni , i cui paesi si sono posti l’obiettivo di favorire la diffusione dei sistemi di generazione distribuita ed in particolare dei piccoli impianti fotovoltaici. CESI ha fornito supporto in particolare per l’implementazione dei processi necessari per esaminare le richieste di connessione degli utenti, e per verificare il rispetto dei requisiti dei progetti e degli impianti realizzati, prima della connessione degli stessi alla rete del distributore. Sulla scorta di tale esperienza CESI ha collaborato con alcuni utenti e/o installatori fornendo consulenza specialistica in attività di design review e di commissioning per un certo numero di impianti fotovoltaici.

Vai al Programma Conferenze e Workshop del 2° giorno

2020 © ZeroEmission Show - All Rights Reserved / Tutti I Diritti Riservati. Created By Niro Informatica Web Agency